Studenti, università e la Gig Economy
Lavori freelance, contratti a progetto, smart working. In che modo la gig economy sta cambiando il modo del lavoro? Cosa possono fare le università per instradare preparare al meglio la forza lavoro di domani?

Le università dovrebberò preparare gli studenti alla Gig Economy

Le nostre università preparano sufficentemente gli studenti a lavorare come indipendenti nella Gig Economy?

Oggi i laureati si uniscono al mercato del lavoro nel quale i consulenti, gli indipendenti e i freelancers sono circa il 30%/40% della forza lavoro. Affontano inoltre un'economia in cui le modalità di lavoro alternative stanno crescendo più velocemente rispetto ai tradizionali lavori a tempo pieno e si prevede che continueranno a crescere. La recente notizia secondo cui la maggior parte della forza lavoro di Google è composta da lavoratori indipendenti e temporanei anziché da dipendenti a tempo pieno è solo un esempio della rapida trasformazione della forza lavoro aziendale.

Nonostante questi cambiamenti nel modo in cui lavoriamo, le università devono ancora integrare lo studio o la pratica della Gig Economy nel loro programmi. Invece, continuano a educare e preparare gli studenti a diventare dipendenti a tempo pieno in lavori a tempo pieno. Questo approccio è un vero handicap agli studenti che si diplomeranno male equipaggiati e impreparati ad avere successo come lavoratori indipendenti.

Per preparare al meglio i propri studenti alcune università americane hanno sperimentato lo studio e la pratica dell'economia Gig, elaborando 3 semplici step:


1° passo: Insegnare le Basic Skills per creare lavoratori indipendenti

Molte delle abilità richieste per essere un lavoratore indipendente di successo possono essere insegnate: come creare un'entità aziendale, come gestire un piccolo back office, come negoziare prezzi e contratti di consulenza e come sviluppare ed eseguire una strategia di marketing e di branding. Queste abilità di base della business school possono essere riformulate per preparare gli studenti a lavorare in modo indipendente e imprenditoriale per costruire un portafoglio di concerti.

Diversi feedback dati dagli studenti dichiarano che hanno accettato incarichi secondari per perseguire il lavoro che amano, hanno lasciato i loro lavori tradizionali, hanno avviato piccole imprese o società di consulenza, si sono trasferiti in nuove sedi o viaggiano per il mondo lavorando da remoto. Mi dicono quanto sono grati di fare il lavoro che scelgono, vivere vicino alla famiglia o in un posto che amano e smettere di andare in ufficio. Anche quelli che scelgono di continuare a lavorare in un tradizionale lavoro a tempo pieno mi dicono che si sentono più preparati a lavorare in modo indipendente se dovessero averne bisogno, o decidessero di farlo, in futuro. Questi sono risultati aneddotici di un corso, ma fanno presagire l'impatto che l'insegnamento delle abilità imprenditoriali di base potrebbe avere sulla vita professionale e personale degli studenti.

2° passo: uWISE e le sue offerte

I servizi di orientamento universitari si concentrano sull'abbinamento degli studenti con lavori a tempo pieno e, finora, hanno ignorato la crescente diffusione, e l'importanza, del lavoro indipendente nella Gig Economy. Le università sin dall'inizio assumono lavoratori indipendenti per aiutare con progetti che coinvolgono la ricerca, la scrittura e l'editing, così come il marketing e i social media. Queste opportunità vengono pubblicate su una piattaforme come: Upwork, Craigslist, e LinkedIn. I servizi di orientamento dell'università sono i meno ricettivi a questo tipo lavoro. Sono intrappolati nella mentalità di pensare che l'esperienza lavorativa equivalga a un lavoro a tempo pieno e hanno poco da offrire per aiutare gli studenti a creare un portafoglio di lavoro durante l'estate, o per aiutarli ad accettare lavori secondari durante l'anno accademico. Il Career Services deve fare un lavoro migliore per aiutare gli studenti a trovare lavoro, non solo posti di lavoro.

Ed è proprio qui che interviene uWISE la nostra piattaforma che permette di interagire con aziende disposte a remunerare gli studenti in cambio delle loro conoscenze, che sia per un singolo progetto o per una ricerca, uWISE vuole permettere agli studenti di crearsi il loro portafoglio. Sappiamo quanto vantaggio abbiano gli studenti che già hanno avuto seperienze nel mondo del lavoro. Vogliamo perciò dare a tutti la stessa opportunità

3° passo: Applicare la realità universitaria

È paradossale che le università siano partecipanti attivi della Gig Economy, eppure preparino i loro studenti solo a lavorare come dipendenti tradizionali in lavori a tempo pieno. Le università devono solo guardarsi allo specchio per vedere il mondo del lavoro in cui i loro studenti devono essere pronti ad entrare. I loro modelli di business e le loro pratiche sono un caso di studio su come i datori di lavoro stanno cambiando il mondo del lavoro e la loro forza lavoro.

Le università si affidano a contraenti indipendenti. Come Google, le università hanno già costruito una forza lavoro mista e flessibile composta da più lavoratori indipendenti e meno dipendenti a tempo pieno. Questo è più evidente nella crescita dei docenti suplenti, che costituiscono il 50% o più del personale docente in molte università. Se le università fanno parte della tendenza ad assumere un numero significativo di lavoratori indipendenti, dovrebbero preparare anche i loro studenti per quel futuro.

Molti professori hanno lavori secondari. Le università si aspettano e permettono ai loro professori di ruolo a tempo pieno di avere lavori secondari come consulenze e consigli, ricerche pagate, posizioni nel consiglio di amministrazione e discorsi, per elevare il loro marchio e aumentare il loro reddito. 

Le università rafforzano la loro presenza online

Le università stanno differenziando il bisogno di essere nel campus dalla capacità di guadagnare crediti di corso e lauree. Il nuovo prodotto in più rapida crescita dell'istruzione superiore sono i corsi e i programmi online a distanza che permettono agli studenti di imparare quando e dove vogliono. Lo stesso desiderio di controllo e flessibilità sta guidando la crescita del lavoro indipendente a distanza, e deve riflettersi nelle opportunità che i servizi di carriera offrono agli studenti e che il reclutamento del campus presenta ai laureati.

La Gig Economy sta sconvolgendo il modo in cui le aziende lavorano e il modo in cui assumono. I leader aziendali scelgono sempre più spesso di lavorare con appaltatori indipendenti, consulenti e freelance a seconda delle necessità, piuttosto che creare posti di lavoro a tempo pieno con dipendenti a tempo pieno. Per avere successo, gli studenti hanno bisogno di imparare come essere lavoratori autonomi, imprenditoriali, e come gestire una piccola impresa, perché sempre di più, questo è ciò che ognuno di noi è e farà per almeno una parte della propria carriera. Insegnando ai loro studenti ciò che loro stessi già praticano, le università possono fare un lavoro molto migliore preparando i loro laureati per la forza lavoro sempre più indipendente di oggi, non per i lavori tradizionali di ieri.

Laptop on Table Beside Mug

Nuove opportunità alla portata di tutti

Seppur per secoli siamo stati abituati ad un lavoro con ore prestabilite e possibilità di carriera verticale predefinite, il mercato del lavoro di oggi sta gradualmente perdendo i suoi connotati arcaici. Lavori part-time e a progetto, contratti indipendenti, smart working, offline e online freelancing, la Gig economy offre ogni giorno opportunità alla portata di tutti coloro che desiderano sviluppare una carriera diversificata, che gli consenta di acquisire competenze complementari in settori disparati.

I professionisti dei carrier service universitari ne sono pienamente consapevoli e tutto ciò di cui c’è bisogno e che facciano del loro meglio per trasmettere questa stessa consapevolezza agli studenti che si rivolgono alla loro attenzione. 

Anziché pertanto propendere verso modelli di carriere predefiniti, i carrier service universitari dovrebbero cominciare ad ascoltare attivamente le esigenze di crescita e sviluppo di ogni studente e mettere a  loro disposizione percorsi formativi alternativi sin da subito, spingendo i giovani a utilizzare piattaforma di Gig economy come UWISE già durante gli anni studenteschi, affinché questi possano già toccare con mano il nuovo mondo del lavoro e accrescere competenze trasversali ancor prima di entrare definitivamente nel mondo del lavoro di domani.